Amaretti morbidi

Torna a biscotti

Acamante figlio di Teseo, e Fillide, principessa della Tracia, si amavano. Lui partì per la guerra di Troia, lei lo attese a lungo, invano e, disperando del suo ritorno, si uccise. La dea Atena, per pietà, la trasformò in una pianta di mandorlo. Acamante, che era stato soltanto ritardato dall'avaria della nave, quando seppe della fine di Fillide e della sua trasformazione, si disperò e corse ad abbracciare la pianta: subito,all'improvviso, i rami si ricoprirono di fiori anziché di
foglie, quasi a voler ricambiare l'appassionato abbraccio.
Così il mito nobilitò le mandorle, prezioso e profumato frutto del Mediterraneo, ricco di vitamine essenziali per grandi e piccini. Da un sapiente dosaggio di mandorle dolci e amare di prima scelta Bari nasce l'impasto dell'amaretto, una delizia dolceamara, lavorata e incartata a mano, una coccola golosa di morbida tenerezza da portare ovunque. E' uno spettacolo anche la preparazione: rotoli posati con delicatezza nello zucchero, che li rende brillanti come diamanti, in teglie foderate di bianca carta da forno. Mandorle, zucchero e albumi di uova freschissime sono i semplici ingredienti che l'arte pasticciera trasforma nell'amaretto conosciuto in tutto il mondo.

Ingredienti principali
Solo il meglio.
Mandorle prima scelta Bari, mandorle amare, albume di uova fresche categoria A, zucchero.


Chiedi informazioni