Fave di cacao crude lavate non fermentate

Torna alle news

Se è vero che i cibi più buoni sono anche quelli più pericolosi per la salute, il cacao (Theobroma cacao L.) sembra essere una piacevole eccezione. Non per altro i Maya e i Aztechi lo chiamavano kakahuat, dal greco, "cibo degli Dei".

Fa bene al cuore 

Molti studi scientifici confermano che il consumo di cacao fa bene alla salute: rappresenta un vero e proprio "alimento-farmaco", da assumere naturalmente con moderazione, nelle dosi adeguate e nell'ambito di una dieta varia ed equilibrata.Una delle qualità evidenziate da diversi trials clinici è il favorire protezione contro le malattie cardiovascolari. Il primo studio evidente dell'effetto del cacao fu illustrato su "Focus on Chocolate", da Ottaviani et al. sugli indiani Cuna, una popolazione nativa che vive in un'isola vicino alle coste di Panama. È stato dimostrato che il loro quotidiano consumo di fave di cacao ha permesso loro di salvarsi dall'aumento dell'ipertensione legata all'avanzare dell'età e di avere una pressione più bassa e, di conseguenza, una mortalità per cause cardiovascolari inferiore rispetto al resto dell'America.Questi risultati pare derivino dall'abbondante presenza di flavonoidi nel cacao. Ad esempio, le epicatechine sono mediatori in grado di influenzare l'attività dell'ossido nitrico a livello vascolare e quindi promuovono il processo di vasodilatazione alla base degli effetti ipotensivi.Si è dimostrato che questi antiossidanti naturali limitano gli effetti negativi associati ad elevati livelli plasmatici di colesterolo ed in modo particolare della sua frazione "cattiva", data dalle lipoproteine LDL. 

Favorisce la memoria e la concentrazione

Le catechine e epicatechine, antiossidanti per eccellenza nel cacao, giocano un ruolo importante sul benessere del cervello. Queste sostanze antiossidanti permettono che il flusso di sangue cerebrale sia sempre ottimale grazie ad un costante apporto di ossigeno e di glucosio per sostenere i neuroni ed eliminare gli scarti. Favoriscono la moltiplicazione dei vasi sanguigni, la nascita di nuove cellule nervose e i cambiamenti nella morfologia dei neuroni, principalmente nelle regioni coinvolte nella memoria, nell'apprendimento e nelle capacità cognitive.

Allontana la fatica

Il cacao viene spesso assunto anche come fonte di energia perché contiene teobromina: Questa sostanza stimola il sistema nervoso centrale e aumenta la concentrazione e lo stato di veglia. Più il cioccolato sarà fondente, maggiore sarà la quantità di questo componente.La ricerca, inoltre, ha identificato delle sostanze chimiche con una potente attività biologica, più comunemente note come neurotrasmettitori come la feniletilammina, in grado di influenzare il tono dell'umore, a cui viene associata un'efficace azione antistress. 

Fa bene anche alla pelle

Una ricerca dell'Università Heinrich Heine di Düsseldorf ha stabilito che il cacao riduce le probabilità di contrarre tumori dell'epidermide, merito degli antiossidanti che inibiscono i fattori di crescita cancerogeni. Non solo. Uno studio, pubblicato sul "Journal of Cosmetic Dermatology", ha evidenziato che la pelle dei consumatori di cacao, reagisce meglio all'esposizione dei raggi solari, grazie alle proprietà antinfiammatorie dei flavonoidi. In ultimo: il cacao sembra favorire un rallentamento nella comparsa dei primi segni dell'età.La quantità di antiossidanti nel cacao è elevato, lo si può verificare assaggiando l'alimento: maggiore è il contenuto, più il sapore sarà amaro ed astringente.

Le fave della Pasticceria Falicetto hanno origine da una coltivazione della Repubblica Dominicana e la specie è Sanchez, dal gusto deciso e amarognolo. Queste fave non subiscono il processo di fermentazione, mantenendo praticamente intatte le proprie caratteristiche nutrizionali. Il cacao è sconsigliato nella dietoterapia di molte affezioni a carico dell'apparato digerente, come ernia iatale, reflusso gastroesofageo e gastrite. Le fave di cacao sono adatte a vegani e crudisti, non contengono glutine e zuccheri.

Ricerca approfondita sugli effetti salutistici delle fave di cacao: dott.ssa Benedetta Callegari, Tecnologa Alimentare. In collaborazione con il Maestro Pasticcere Aldo Scaglia


BIBLIOGRAFIA

1.Azila Abdul Karim MEng, Azrina Azlan PhD, Amin Ismail PhD, Puziah Hashim PhD, Siti Salwa Abd Gani PhD, Badrul Hisyam Zainudin MSc, Nur Azilah Abdullah Dip. (2016) - Efficacy of cocoa pod extract as antiwrinkle gel on human skin surface - Journal of Cosmetic Dermatology
2.Corti R., Flammer A.J., Hollòenberg N.K., Luscher T.F., (2009) – Cocoa and Cardiovalscular Healt – Contemporary Reviews in Cardiovascular Medicine
3.Eric L Ding* 1,2 1 1 3 , Susan M Hutfless , Xin Ding  and Saket Girotra (2006) - Chocolate and Prevention of Cardiovascular Disease: A Systematic Review - Nutrition & Metabolism 2006, 3:2
4.K Davison , NM Berry , G Misan , AM Coates , JD Buckley and PRC Howe (2010) - Dose-related effects of flavanol-rich cocoa on blood pressure - Journal of Human Hypertension (2010) 24, 568–576
5.Helmut Sies, Tankred Schewe, Christian Heiss, and Malte Kelm (2005) - Cocoa polyphenols and inflammatory mediators - American Journal of Clinical Nutrition · February 2005
6.Karin Neukam, Wilhelm Stahl, Hagen Tronnier, Ulrike Heinrich (2007) - Consumption of flavanol-rich cocoa acutely increases microcirculation in human skin - European Journal of Nutrition
7.Karin Ried , Thomas Sullivan , Peter Fakler , Oliver R Frank , Nigel P Stocks (2010) - Does chocolate reduce blood pressure? A meta-analysis - BMC Medicine
8.Nehlig A. - The neuroprotective effects of cocoa flavanol and its influence on cognitive performance- Br J Clin Pharmacol. 2013 Mar; 75(3): 716–727
9.Ried K, Sullivan TR, Fakler P, Frank OR, Stocks NP (2012) - Effect of cocoa on blood pressure – Chocrain
10.Schroeter H1, Heiss C, Balzer J, Kleinbongard P, Keen CL, Hollenberg NK, Sies H, Kwik-Uribe C, Schmitz HH, Kelm M. (2006) -Epicatechin mediates beneficial effects of flavanol-rich cocoa on vascular function in humans – PubMed
11.Steffen Desch , Daniela Kobler , Johanna Schmidt , Melanie Sonnabend , Volker Adams ,  Mahdi Sareban , Ingo Eitel , Matthias Blüher , Gerhard Schuler  and Holger Thiele 1 1 2 1 1 (2010) - Low vs. Higher-Dose Dark Chocolate and Blood  Pressure in Cardiovascular High-Risk Patients – American Journal of Hypertension
12.Tankred Schewe, Hartmut Ku¨ hn* and Helmut Sies (2002) - Flavonoids of Cocoa Inhibit Recombinant Human 5-Lipoxygenase - Journal of Nutrition 132(7):1825-9 · August 2002